Eventi a Vigevano:

Dal 25-05-2024 al 09-06-2024
IL SENSO DENTRO IL SEGNO
Dal 26-05-2024 al 15-09-2024
Appuntamenti Musicali a San Dionigi
Dal 31-05-2024 al 31-05-2024
NORA. UN’ESTATE A VILLA GENZIANA
Dal 01-06-2024 al 02-06-2024
ASTROLIBRO
Dal 14-06-2024 al 14-06-2024
MUSICA A SAN DIONIGI 2024

Vedi tutti

Grazie a

Cerca nel sito

Cerca telefono

cognome o nome azienda

Videonews


12/04/2024 12:52
Le violazioni della ZTL di Vigevano accertate dall'1 gennaio alla fine di marzo sono 15380.
I dati sono emersi durante il Consiglio Comunale di giovedì sera. Il Partito Democratico e il Polo Laico avevano avanzato due interrogazioni sul tema zona a traffico limitato.
La Giunta ha risposto comunicando che delle oltre 15mila sanzioni solo 3943 sono state spedite ai destinatari e solo il 20% apparterrebbe ai residenti della ZTL. Delle oltre 3900 multe spedite 60 sono state annullate in autotutela.
Sono in 39 ad aver già fatto ricorso al Giudice di Pace e solo in 8 al Prefetto di Pavia.
La Giunta ha poi spiegato che era stata fatta una lunga campagna informativa, partita a maggio del 2023. In questa campagna l'amministrazione comunale si sarebbe preoccupata di ricordare ai residenti che era necessario richiedere un nuovo permesso.
Ad oggi sono stati rilasciati circa 2600 pass. Con il vecchio regolamento si contavano invece oltre 3000 titolari. 400 permessi sono stati negati per decesso del proprietario, mancata comunicazione o perdita di requisiti.
Lo stesso si è verificato per il pass disabili. Nel 2014 i titolari erano circa 6700, mentre ora non arrivano a 2500. Il nuovo regolamento di accesso alla zona a traffico limitato prevede che le persone con disabilità rilascino 3 targhe al Comune. Se utilizzano un altro mezzo devono comunicarlo agli uffici entro 72 ore dal passaggio.
Non è stato però fornito un dato importante per i residenti: quante persone hanno violato le nuove regole durante il periodo di prova, istituito tra luglio e dicembre 2023. “Cosa è successo in quei mesi? E perché le persone che trasgredivano il nuovo regolamento non sono state avvisate prima dell'entrata in vigore ufficiale?” ha chiesto Luca Bellazzi del Polo Laico, che proprio come i residenti, non ha ricevuto risposta.